Voglio rifarmi una vita

Barattoli, scatole, scatolette, lattine, fusti, secchielli, bombolette, tappi per bottiglie e coperchi per vasetti. Sono questi gli imballaggi in acciaio che a Genova vanno differenziati nel contenitore giallo, insieme a plastica e alluminio: un piccolo gesto quotidiano che tutti siamo chiamati a compiere, importante per l’ambiente e per il futuro.

Proprio i contenitori in acciaio sono protagonisti della nuova campagna “Voglio rifarmi una vita!”, promossa da AMIU Genova, l’azienda che copre tutti i servizi legati alla gestione del ciclo dei rifiuti e dell’ambiente sul territorio, insieme a RICREA, il Consorzio Nazionale senza scopo di lucro per il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Acciaio che fa parte del Sistema CONAI.

advertisement

L’iniziativa, realizzata in collaborazione con il Comune e la Città Metropolitana di Genova,è stata presentata questa mattina nella Sala del Consiglio Metropolitano presso Palazzo Doria Spinola, e ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini su questo tema, aiutandoli a identificare gli imballaggi in acciaio e promuovendo il valore del riciclo.

La campagna prevede affissioni outdoor, con una pianificazione concentrata soprattutto nelle aree dove sono presenti i contenitori, e un’attività mirata sui social media di AMIU Genova e RICREA.

Nel 2020 in Italia, grazie all’impegno dei Comuni e dei cittadini, sono state avviate a riciclo 370.963 tonnellate di imballaggi in acciaio, sufficienti per realizzare circa 3.700 km di binari ferroviari: ancora una volta il Paese si conferma già in linea con l’obiettivo dell’80% previsto dalle direttive europee in materia di economia circolare entro il 2030.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto