Via libera alla riapertura delle discoteche

Il Cts ha espresso parere favorevole alla riapertura delle discoteche. La capienza è tata fissata al 35% per i locali al chiuso e al 50% per le discoteche all’aperto.

Per accedere sarà necessario mostrare il Green Pass e indossare la mascherina nei momenti di accesso e uscita dai locali. non sarà, invece , necessario indossarla durante il ballo che viene equiparato ad attività sportiva.

advertisement

I locali dovranno essere dotati di impianti di aerazione senza ricircolo d’aria; sarà obbligatorio l’uso dei bicchieri monouso; dovranno essere presenti postazioni per sanificare frequentemente le mani, oltre alla pulizia e alla sanificazione da effettuare di routine.

Immediata la reazione della Siae che afferma: «Le condizioni poste dal Cts per la riapertura delle discoteche — spiegano in una nota — la rendono di fatto impossibile e suonano surreali le dichiarazioni entusiaste sul “primo passo”, dato che nella sostanza non c’è nessun passo: i costi di gestione di un locale sono troppo ingenti per poter riaprire con gli introiti di un 35% di capienza. In alternativa, i gestori sarebbero obbligati a praticare prezzi inaccessibili ai più. Sarebbe stato più onesto dire “non ci sono le condizioni, non si può riaprire”

Il Cts giustifica la decisione presa sottolineando come «tali attività si configurano tra quelle che presentano i rischi più elevati per la diffusione del virus». 

«Lo stesso discorso — evidenziano ancora dalla Siae nella nota — vale per i concerti, che restano impossibili da organizzare. La petizione che Siae ha lanciato sulla piattaforma www.cultura100x100.it ha raccolto finora oltre 17 mila firme e chiede la riapertura a capienza totale e in sicurezza dei luoghi della cultura.”

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto