Solidarietà dai politici liguri alla CGIL romana

La manifestazione in piazza ieri a Roma è degenerata in un assalto alla sede romana della CGIL.

Una piazza traboccante di rabbia No Green Pass in declinazioni diverse. L’ultradestra di Forza Nuova, CasaPound, Veneto Fronte Skinhead, Area, l’ha monopolizzata e l’ha aizzata infatti foto e filmati mostrano chiaramente i leader di Forza Nuova Roberto Fiore e Giuliano Castellino alla testa di quei manifestanti che si sono staccati dal corteo per dare l’assalto alla sede della Cgil.

advertisement

L’intento è apparso chiaro a molti: strumentalizzare la rabbia sociale dei no green pass e no vax per cavalcare e indirizzare la confusione post elettorale del centrodestra a una settimana dalla data cruciale del 15 ottobre, quando il Green Pass sarà obbligatorio e quando si dovrà eleggere il nuovo Sindaco di Roma.

Manifestazioni di solidarietà sono arrivate dal mondo della politica ligure.

In un comunicato la Cisl conferma “La Cisl della Liguria esprime solidarietà alla Cgil la cui sede romana è stata assaltata e devastata dai no green pass. La violenza è inaccettabile, sempre. Le violenze verbali contro il governo e diverse categorie di lavoratori (dai giornalisti ai medici fino alle forze di Polizia), le minacce, la commistione con l’ideologia fascista che strumentalizza le preoccupazioni di parte della popolazione devono essere condannate con forza da tutti i soggetti politici e sindacali, indipendentemente dalle sigle e dalla parte politica di appartenenza.”

“Le Liste Crivello comunali e municipali esprimono la loro solidarietà al segretario nazionale Maurizio Landini, al segretario di Genova Igor Magni e alle forze dell’ordine. Tale violenza va respinta con forza dallo Stato e dalle forze democratiche, che una manifestazione, non autorizzata, possa praticare tali azioni è un fatto inaudito. É una vergogna che un corteo “no vax” animato da una massiccia presenza di fascisti, possa agire quasi indisturbato contro un sindacato la Cgil, simbolo della democrazia e della tutela dei lavoratori. Lo Stato, le forze politiche, tutti coloro che hanno a cuore il futuro di questo Paese e vogliono difendere i valori costituzionali, devono garantire il rispetto di chi ogni giorno, nelle piazze e nei luoghi di lavoro, con impegno e responsabilità, rappresenta e difende il lavoro.” Sono le parole del comunicato della Lista Crivello.

Anche il Presidente di Regione Liguria e Assessore alla Sanità Giovanni Toti condanna ferocemente la manifestazione di Roma: “Esprimere le proprie idee non giustifica mai l’uso della violenza, che va sempre condannata. Solidarietà alle forze dell’Ordine, alla Cgil e al segretario Landini per le aggressioni che hanno subito da alcuni dei partecipanti alle manifestazioni contro l’estensione del green pass. Una misura che mentre alcuni si ostinano a combattere, in realtà sta permettendo al nostro Paese di essere completamente in zona bianca, di tornare a vivere e a lavorare. Benefici che saranno sempre di gran lunga superiori ai timori e alle difficoltà che potremmo incontrare all’inizio, ma che ci stanno portando sempre più vicini all’obiettivo più importante: sconfiggere il virus.”

“Molti sedicenti no-vax  si sono tolti la maschera – scrive il gruppo Pd ligure – sotto c’era il volto dello squadrismo neofascista. Il violento attacco a Roma alla sede della CGIL scioglie ogni equivoco sugli ispiratori di manifestazioni che strumentalizzano le paure di alcuni cittadini per provare a costruire consenso per azioni di manomissioni dell’ordine democratico e delle organizzazioni dei lavoratori e le lavoratrici. Tutte le forze politiche devono dare una risposta forte, univoca e priva di ambiguità, anche quelle che  sono state ambigue se non hanno addirittura cavalcato dinamiche eversive. Alla Camera del Lavoro la nostra solidarietà e l’impegno a lottare insieme per la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini.”

“Le notizie che arrivano da Roma rispetto all’attacco squadrista contro la sede della Cgil, da sempre presidio democratico insieme a Uil e Cisl, è da condannare e respingere senza alcun indugio. Solidarietà alla Cgil e alle forze dell’ordine sul territorio nazionale e sul territorio della Liguria. Non ci faremo intimidire da quelle forze oscure e fasciste che si mescolano a coloro che decidono di manifestare pacificamente la propria idea anche quando è diversa dalla nostra. Il sindacato incarna  l’impegno per la garantire nel nostro Paese il rispetto della democrazia: in ogni luogo di lavoro, in ogni piazza. Continueremo  a manifestare a testa alta le nostre opinioni per il rispetto della legalità e dell’interesse collettivo, qui a Genova, in Liguria, in tutta Italia.” Scrive Mario Ghini, segretario generale Uil Liguria.

                                                               

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto