Ponte Morandi: riparte l’udienza preliminare

Riparte oggi poco prima delle ore 10, dopo l’ingresso e l’appello, la prima udienza preliminare che era stata sospesa lo scorso 15 ottobre.

Il fulcro della giornata sarà la decisione relativa all’accoglimento delle istanze per la richiesta di costituzione di parte civile. Il 15 ottobre erano state presentate richieste da circa 300 soggetti, tra cui la Presidenza del consiglio, il Ministero delle Infrastrutture, il Comune di Genova, la Regione Liguria ma anche i i familiari delle vittime, diverse associazioni di consumatori e i sindacati Cgil, Cisl e Uil.

advertisement

Dopo che la richiesta di ricusazione del giudice per le indagini preliminari Paola Faggioni, presentata dai legali di alcuni imputati (tra cui lo stesso ex ad di autostrade Giovanni Castellucci) era stata rigettata, gli avvocati hanno fatto sapere che presenteranno ricorso in cassazione. L’udienza, quindi, proseguirà ma il giudice non potrà decidere sull’eventuale rinvio a giudizio.

Il gup aveva chiesto e ottenuto gli arresti domiciliari di Castellucci nell’ambito delle indagini dedicate ai pannelli fonoassorbenti. Per questo i legali dell’ex ad di autostrade sostengono che si sia già espresso sulla sua colpevolezza. I magistrati della corte d’appello invece hanno affermato che “non risulta formulata alcuna valutazione sulla responsabilità dei ricorrenti in relazione agli specifici fatti” relativi al crollo del Morandi. Faggioni, “si è solo incidentalmente espressa in relazione alla vicenda processuale scaturita dal crollo del ponte”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto