Liguria, Toti: “Maiali d’allevamento saranno abbattuti”

Il presidente della Liguria Giovanni Toti si è espresso sulla questione peste suina in Liguria: “La carne suina ovviamente non è un mercato dominante in Liguria, come è noto non vi sono allevamenti intensivi. Vi è solo un allevamento domestico, che almeno nelle aree di contenimento certamente andrà abbattuto e indennizzato. L’ultimo focolaio di peste suina africana in un Paese dell’Europa continentale è durato un paio d’anni in Belgio, pare trasmesso da alcuni panini con insaccati gettati da militari Nato dopo il ritorno da un’esercitazione in Polonia. Per contenere un focolaio la Cina nel 2017 ha abbattuto 300 milioni di capi nel suo territorio. Occorre chiarire che la peste suina non è una malattia trasmissibile all’uomo, non incide sull’uomo né dal punto di vista dell’infezione né tantomeno dal punto di vista alimentare. Le carcasse contagiate vanno distrutte per non far circolare un virus che ha una resistenza temporale e una stabilità ambientale molto potente”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto