Mosca e Kiev si parleranno ma intanto Putin agita la minaccia nucleare. L’Unione Europea prepara nuove sanzioni

Le delegazioni di Ucraina e Russia si incontreranno al confine con la Bielorussia sul fiume  Pripyat. Ma ad aumentare ancora il clima da Guerra Fredda, Vladimir Putin  contestualmente al via libera ai colloqui di pace ha innalzato il livello di deterrenza  dell’arsenale nucleare e di tutto il suo esercito. Colpa, secondo il leader russo, delle critiche mosse dai Paesi della Nato all’invasione più che delle sanzioni economiche. La mossa non ha effetti pratici, né prelude a un’escalation. Si tratta però di una pressione definita “inaccettabile” sia dalla Nato che dagli Stati Uniti.

Intanto il presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, annuncia il rafforzamento delle sanzioni contro Russia e Bielorussia, “l’altro aggressore di questa  guerra, il regime di Lukashenko che è complice di questo attacco vile contro l’Ucraina”.

Un annuncio a cui segue quello del presidente del Consiglio Mario Draghi: “L’Italia dà il suo pieno e convinto appoggio al pacchetto di misure contro la Federazione Russa presentato oggi dalla Commissione Europea. L’aggressione dell’Ucraina è un atto barbaro e una minaccia per tutta l’Europa. L’Unione Europea deve reagire con la massima fermezza”, dice il premier.

(ITALPRESS).

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa cookies per offrire una esperienza di navigazione migliore. Puoi disattivarli dal tuo browser quando desideri. Accetto Leggi tutto