Avvicinare i giovani all'edilizia

Avvicinare i giovani all'edilizia
Pubblicato:
Aggiornato:

Ance La Spezia singolarmente e con Cassa Edile e Scuola Edile, lancia un programma di comunicazione e informazione rivolto ai giovani e alle loro famiglie sulle opportunità di carriera offerte dall'edilizia anche sotto il profilo retributivo per modificare la percezione che ancora molti hanno del lavoro edile.


    "I giovani non si avvicinano alle costruzioni, che pure sono uno dei settori in netta ripresa e trasformazione - denuncia Alberto Bacigalupi, presidente di Ance -.


    Costruire nel 2023 significa, infatti, assistere a un nuovo ciclo dell'ambiente costruito, nuove tecniche di progettazione e costruzione, nuovi materiali. L'edilizia è cambiata in modo molto profondo. I nostri collaboratori sono veri e propri tecnici del costruire. Le nuove tecnologie e materiali chiedono capacità e professionalità nuove. Stimiamo che in provincia, entro fine 2023 andranno in pensione circa 200 lavoratori dei 3 mila occupati e che nel prossimo triennio le aziende locali potranno dare lavoro ad altre 500 persone. L'edilizia - sottolinea Bacigalupi - è grande opportunità di lavoro per i giovani".
    Il programma "Orientamento al Lavoro in Edilizia" avrà come obiettivo di valorizzare il ruolo del dipendente edile sia esso operaio o impiegato partendo da due punti fermi: i livelli di retribuzione e di welfare che il settore riconosce ai dipendenti e le opportunità di lavoro e di carriera sottolineando che i contratti nazionali e provinciali "riconoscono ai lavoratori del settore ottimi livelli retributivi, ai quali si aggiunge un sistema di welfare unico tra i settori produttivi. Purtroppo - prosegue Ance - non è stato comunicato in modo efficace che gli addetti dell'edilizia percepiscono retribuzioni superiori alla quasi totalità dei settori produttivi dell'industria e più elevate rispetto a quelli del commercio, turismo e servizi.

In Diretta